Succede ogni anno da trentacinque anni. Quando finisce Il Cinema Ritrovato pensiamo che sarà impossibile fare un’edizione migliore di quella che si è appena conclusa. E invece ogni volta la magia si realizza. Sfogliando le pagine del programma potrete rendervi conto della ricchezza di proposte che caratterizza anche questa 35a edizione, la seconda in tempi di pandemia. Restauri, capolavori, rarità, incontri, eventi. I film li abbiamo contati, sono 426. Portarli sugli schermi di Bologna sarebbe stato impossibile senza l’impegno e la passione di tutti, e senza il prezioso contributo di molti colleghi e amici di tutto il mondo: 89 istituzioni pubbliche e private di 27 diversi paesi.

Mai la storia del cinema è stata così ricca e viva. Mai come ora, grazie all’attività degli archivi, questo immenso patrimonio ci consente di conoscere il passato come fosse il nostro presente. Il Cinema Ritrovato è il luogo dove quest’alchimia si compie, dove il cinema del passato entra nel presente. E se così tanti film interessanti, belli, bellissimi sono stati prodotti nel passato, non possiamo non essere fiduciosi nel futuro.

È animati da questa fiducia che, come lo scorso anno, le esigenze di distanziamento e di sicurezza cui l’emergenza Covid ci obbliga ci hanno portato ad aumentare il numero delle sale del festival (dieci, tra cui lo splendido schermo gigante di Piazza Maggiore, la nuovissima LunettArena dei Giardini Lunetta Gamberini e l’Arena del Sole). Ci auguriamo che così il maggior numero di persone possibile possa partecipare al rito collettivo della proiezione e vivere insieme a noi la magia del cinema.