#iorestoinSALA | Marie Curie, Letizia Battaglia, 'Gli Indifferenti' di Alberto Moravia, il monito di 'Antropocene'

Nella sala virtuale del Cinema Lumière, dal 26 Novembre al 2 Dicembre, proponiamo opere dedicate a straordinarie figure femminili: prima fra tutte, quella che ci restituisce il profilo di Letizia Battaglia, fotografa palermitana, al centro del documentario realizzato da Kim Longinotto dal titolo Letizia Battaglia – Shooting the Mafia (Shooting the Mafia, Irlanda-USA, 2019). Il focus è, nella fattispecie, su quelle opere che hanno saputo immortalare i crimini di mafia restituendone non solo la memoria ma anche il silenzio che tuttora li avvolge, ma anche sulla figura di Letizia, fotografa e, prima ancora, donna dietro l’obiettivo.

In secondo luogo, Marie Curie (Polonia, 2016) di Marie Noëlle: tra le icone più significative della storia della scienza, Marie Curie viene raccontata attraverso i sei anni più intensi nonché determinanti della sua vita. Ad oggi, è la sola donna ad essere stata insignita di due Premi Nobel in ambiti distinti (rispettivamente fisica e chimica). Figura esemplare, la sue conquiste (e le sue lotte) concernono tanto la dimensione scientifica, quanto quella di autentica emancipazione.

Proponiamo di seguito alcuni link di approfondimento per conoscere un po’ più da vicino le opere e le protagoniste:

Letizia Battaglia – Shooting the Mafia | Kim Longinotto

Marie Curie | Marie Noëlle

  • sul Corriere, un articolo sulle scoperte che portano il nome dei Curie
  • su RaiPlay, un documentario che ripercorre la peculiare storia della scienziata polacca
  • sul sito del cinema ritrovato, un breve approfondimento su un altro film, quello di Georges Franju, realizzato nella Francia del 1953 che dipinge verosimilmente i coniugi Curie.

Si aggiungono alle proposte settimanali altre due opere, profondamente differenti quanto incisive nelle riflessioni che veicolano: da una parte, Gli indifferenti di Leonardo Guerra Seràgnoli, tratta dal romanzo d’esordio di Alberto Moravia, animata da interpreti straordinari come Valeria Bruni Tedeschi, nei panni di Mariagrazia Ardengo, Edoerdo Pesce e Giovanna Mezzogiorno.

Dall’altra parte, Antropocene – L’epoca umana (Anthropocene – The Human Epoch) di Jennifer Baichwal, Edward Burtynsky e Nicolas de Pencier, il documentario dedicato all’ultima epoca geologica, l’Antropocene appunto, e che illustra con estremo rigore scientifico, e grazie a una fotografia eccezionale, come l’azione umana ha plasmato irrimediabilmente il proprio habitat, con focus su differenti aree del pianeta.

Di seguito alcuni link di approfondimento per conoscere nello specifico le opere, anche attraverso le parole degli stessi autori e interpreti:

Gli indifferenti | Leonardo Guerra Seràgnoli

  • l’articolo pubblicato su Artribune;
  • l’intervista al regista su LifeGate;
  • il video dell’intervista con Leonardo Guerra Seràgnoli e Valeria Bruni Tedeschi.

Antropocene – L’Epoca umana |di Jennifer Baichwal, Edward Burtynsky e Nicolas de Pencier

  • il video di Internazionale in cui Nicholas de Pencier descrive una scena del film;
  • l’articolo su LifeGate.