Care amiche e cari amici del Cinema Ritrovato,
 
a inizio estate il nostro amato festival ritornerà nei cinema e nelle piazze di Bologna in tutto il suo splendore. In un momento in cui ci sembra che l’oscurità e l’ansia abbiano la meglio su tutto, è indispensabile ritrovarci e combattere la tristezza e l’impotenza celebrando ciò che genera bellezza, speranza e significato.
Il Cinema Ritrovato ritrova la sua consueta collocazione temporale: vi aspettiamo dunque a Bologna dal 25 giugno al 3 luglio 2022 per riprenderci insieme la gioia di un vero festival!

Prevediamo che il formato della manifestazioni ritorni al suo assetto pre-pandemia, garantendo così alla nostra ineguagliabile compagine internazionale di cinefili un pieno accesso alle sale, al programma e alla condivisione dal vivo: abbiamo bisogno più che mai di incontrare amici vecchi e nuovi, passare da una sala all’altra, mangiare fuori e ubriacarci di cinema e del suo splendore.
Nel 2020 abbiamo fatto di necessità virtù, introducendo un’edizione online del festival con una selezione di film resi disponibili per lo streaming in tutto il mondo. Oggi, grazie alle riaperture e alla fine delle restrizioni, siamo lieti di tornare all’esperienza che è per noi la più naturale, con la capienza al completo e l’entusiasmante visione di film proiettati sul grande schermo. Per questo renderemo disponibili in streaming esclusivamente le masterclass e i dibattiti e non i film.
A grande richiesta, abbiamo deciso però di mantenere il sistema di prenotazione: il pubblico non dovrà più preoccuparsi di assicurarsi un posto a sedere e potrà agevolmente programmare le proprie visioni. Come sempre, il pass del festival vi darà accesso illimitato alla maggior parte delle proiezioni e degli eventi, al chiuso e all’aperto. 

Gli spettatori del festival potranno anche visitare la mostra Folgorazioni figurative allestita nei rinnovati spazi del Sottopasso di Piazza Re Enzo e dedicata all’opera di Pier Paolo Pasolini, nato 100 anni fa a Bologna: ci sembra un matrimonio perfetto, che unisce uno dei grandi figli di Bologna e un festival intriso di storia locale.