#iorestoinSALA highlights: 'Sisterhood'

Sisterhood è il mio primo film. Questo progetto nasce da un punto di vista personale. La cultura di strada, che ha contribuito alla mia formazione tra film, arte e vita vera, ha suscitato in me l’interesse sui vari aspetti dell’aggregazione di gruppi femminili. Vivendo in prima persona l’inizio di un’attività sportiva in età adulta ho trovato interessante ricercare delle affinità, dei punti di unione con le altre realtà che mi sono trovata ad incontrare. Così prima di iniziare a filmare queste donne ho avuto l’occasione di conoscerle sul campo di gioco. Ed è stato inevitabile, dopo aver trascorso del tempo con loro, ho avuto la necessità di girare questo documentario. E così ho voluto tirar fuori tutta la forza della parola Sista.” (la regista Domiziana De Fulvio)

Sisterhood is Powerful, la sorellanza è potente, questo era il titolo di un libro scritto da Robin Morgan negli anni ‘70.

In questi anni in cui i movimenti di donne – Ni Una Menos o Me too solo per citare i più conosciuti – stanno contribuendo a costruire una rete internazionale di confronto e solidarietà sulla condizione delle donne e delle altre soggettività oppresse, alcune realtà sportive e informali costituiscono “presidi” di resistenza contro la violenza maschile contro le donne, le forme di violenza di genere, le marginalizzazioni sociali e rappresentano un forte impulso per la trasformazione della società.

Il basket non professionistico nasce e vive nella strada dove tante sono le regole non scritte: a cominciare dall’esclusione delle donne, che intendono invece riprendersi i loro spazi di libertà, in campo e fuori. Un percorso di condivisione di energie e passioni, una rete di solidarietà in cui la sorellanza è l’antidoto alle difficoltà quotidiane all’interno delle diverse comunità.

Campo rifugiati di Shatila, Beirut: Real Palestine Youth F.C. Sono ragazze tra i 16 e i 20 anni Palestinesi, nate nel Campo, e Libanesi che vivono in città. Il bisogno di creare una squadra per sole donne in questo contesto è sicuramente più forte rispetto alle altre due squadre. In questa comunità fino a pochi anni fa non era concepito che una donna potesse fare degli sport che nell’immaginario collettivo sono considerati maschili e la cosa ancora più forte è l’aver creato un gruppo di sole donne non per imposizione religiosa e sociale ma per la loro volontà. Con la contraddizione che questo gruppo è nato grazie ad un uomo che ha scelto di dedicare la sua vita all’insegnamento dello sport alle nuove generazioni del Campo usando questo come mezzo di emancipazione e integrazione.

Roma: Le Bulle, questo il nome della squadra che ha scelto di allenarsi all’interno di uno spazio occupato. Il loro motto è: non chiamateci mamme! Un gruppo di donne adulte che ha sentito il bisogno di creare una squadra femminile e che si autodefinisce femminista. Nata in maniera spontanea, vuole mandare un segnale politico in risposta al razzismo, al clima di violenza e oppressione e al retaggio della cultura cattolica così presenti oggi in una città come Roma. 

New York City: la mecca del basketball. Ladies Who Hoop è un gruppo di donne differenti per età, etnia, classe sociale che condividono la passione per questo gioco praticato nei campetti di quartiere. Nella città per antonomasia più frenetica e dedita al profitto, queste donne hanno creato relazioni intense e trasmettono tutto questo alla squadra di bambine che allenano gratuitamente grazie al progetto da loro creato: Future Ladies Who Hoop. Sisterhood racconta la storia di queste tre squadre di basket, o meglio di street basketball, non professionistiche che giocano nei campi di strada a Beirut (Campo di Shatila), a Roma e a New York. Le protagoniste nelle loro diversità, sono accomunate dallo sforzo quotidiano – più o meno consapevole – di infrangere attraverso lo sport luoghi comuni e stereotipi sociali.