Il restauro di ‘Effetto notte’ in programmazione da lunedì al Lumière

Distribuzione
03/09/2021

Il film di François Truffaut è il restauro del mese per il progetto di distribuzione Il Cinema Ritrovato al cinema.

Da lunedì 6 settembre al Cinema Lumière.

Il Cinema Ritrovato al cinema: la nona edizione del progetto che distribuisce in sala classici in nuove versioni restaurate riparte con Effetto notte di François Truffaut, in programma dal 6 settembre, tutti i lunedì e martedì del mese, al Cinema Lumière, con una proiezione speciale la domenica mattina (19 settembre), nel restauro realizzato da The Criterion Collection in collaborazione con Warner Bros.

Diretto nel 1973 e interpretato da Jacqueline Bisset e dall’attore-feticcio Jean-Pierre Léaud, Effetto notte è ambientato a Nizza, dove un regista gira la storia di una sposina che fugge col suocero, e il set vive la mobilitazione incrociata di crisi e sentimenti tra personaggi della finzione e della realtà. Celebratissimo (Premio Oscar per il miglior film straniero), e il più sincero e interessante, tra i film sull’amour du cinéma: Truffaut rende omaggio a Welles, a Renoir, a Hitchcock, ma soprattutto dà splendida messinscena “alla domanda che mi tormenta da trent’anni: il cinema e più importante della vita? Non ci sono intoppi nei film, non ci sono rallentamenti, i film vanno avanti come treni nella notte”. Il film su un film per eccellenza, la più straordinaria dichiarazione d’amore di Truffaut per il cinema, quello visto e amato, quello in corso d’opera o ancora da farsi, in un vertiginoso gioco di specchi fra realtà e finzione.

——————————————–

Il Cinema Ritrovato al cinema
Da lunedì 6 settembre, tutti i lunedì e martedì
A Bologna al Cinema Lumière (Piazzetta Pasolini)

EFFETTO NOTTE (La Nuit américaine, Francia/1973) di François Truffaut (115’)
Restaurato da The Criterion Collection in collaborazione con Warner Bros. presso i laboratori Criterion a partire da un negativo camera originale 35mm e un interpositivo 35mm
Il restauro è stato supervisionato dal direttore della fotografia Pierre-William Glenn