Erotikon

(Svezia/1920) di Mauritz Stiller (96')

Regia: Mauritz Stiller. Soggetto: dalla pièce A kék róka (La volpe azzurra) di Ferenc Herczeg. Sceneggiatura: Mauritz Stiller, Arthur Nordén. Fotografia: Henrik Jaenzon. Scenografia: Axel Esbensen. Interpreti: Tora Teje (Irene), Anders de Wahl (Leo Charpentier), Karin Molander (Marthe), Elin Lagergren (madre di Irene), Lars Hanson (Preben Wells), Vilhelm Bryde (barone Felix), Torsten Hammaren (professor Sidonius). Produzione: Svensk Filmindustri. Durata: 86’ a 18 f/s
Copia proveniente da Svenska Filminstitutet. Restaurato nel 2020 da Svenska Filmistitutet e Národní filmový archiv

Scarica la cartolina della serata

Erotikon
(Svezia/1920) di Mauritz Stiller (96')
keyboard_arrow_down

Ci sono momenti in Erotikon, questa commedia che inaugura così bene gli anni Venti, con umoristica eleganza e soave sprezzatura morale, in cui ci si chiede: ma questa Tora Teje che soppesa gli uomini da sotto le palpebre un poco abbassate, che getta il collo all’indietro nella risata, che sorride o si dispera nell’ombra di un cappello ornato di graminacee, che tende il braccio da cui scivola un sontuoso manicotto di pelliccia, che non sai se è più incantevole in velluto o in plissé, questa ironica diva scandinava sta forse facendo Lyda Borelli (una Borelli chissà come catapultata nel regno della commedia), o sta indicando la strada alle Marie Prevost, alle Irene Rich, alle Kay Francis del Lubitsch che verrà? A quest’epoca, il borelleggiare può essere solo una citazione, forse consapevole forse no; mentre il nutrimento che Stiller sta fornendo al Lubitsch americano è indiscutibile e architettonico, passa attraverso le porte, gli specchi, gli spartiti musicali, le piccole statue allusive, le balaustre di legno di questa bella casa di Stoccolma, tutti lì a definire un perimetro borghese del desiderio amoroso. Certo, alle spalle ci sono le commedie coniugali anni Dieci di DeMille, che sfumano via in uno ‘Stiller touch’ di nordica modernità: se là, dopo qualche giravolta, i mariti e le mogli conveniva tenerseli ben stretti, qui il desiderio, provvisorio, tenero, scaltro, può prendere i sentieri più sfacciati, e mentre Tora si congeda da un noioso matrimonio, dentro casa ci si prepara a consumare una specie di ridicolo incesto. Erotikon seminerà ancora più a lungo: anche se qualcuno nega tale filiazione, le lezioni d’amore bergmaniane riverberano la luce della maestria di Stiller, di quell’affettuosa distanza che espone la natura meccanica (o biologica) delle erotiche rondes. Basti citare, tra i riscontri possibili, lo spirito che animerà le promesse del libertino Jarl Kulle di Sorrisi di una notte d’estate: “Ti sarò fedele per sette eternità di piacere, ti sarò fedele finché la noia non ci separi”.

Paola Cristalli

Precede:

PARIJSCHE MODE NO. 25
(Francia) (4')
keyboard_arrow_down

Durata: 4’. Copia proveniente da EYE Filmmuseum

Dopo la scomparsa del cinefilo, tecnico, collezionista e innovatore Ruud Molleman nel giugno del 2019, la sua collezione di circa trecento pellicole prevalentemente in nitrato è stata donata ad EYE Filmmuseum. Tra queste, una serie di quattro rulli di film di montaggio dedicati alla moda risalenti agli anni Dieci e Venti del secolo scorso e splendidamente colorati a pochoir. Il primo dei quattro film, Parijsche Mode No. 25, è stato recentemente restaurato al laboratorio Haghefilm Digitaal. […]  Scorrendo il film fotogramma per fotogramma durante il color grading si è scoperta un’interessante dissolvenza incrociata dei colori pochoir concepita con la massima cura. Si può infatti osservare che le aree colorate cambiano gradualmente come le immagini.

Annike Kross

 

Scopri le modalità di accesso e prenotazione