L’OPÉRA MOUFFE / PLAISIR D’AMOUR EN IRAN / DOCUMENTEUR

DOCUMENTEUR
(Francia/1982) di Agnès Varda (63')
keyboard_arrow_down
“Questo film esplicita bene il progetto di cui ho inaugurato la pratica in La Pointe courte, L’Opéra Mouffe e in Cléo: filmare i passanti come in un documentario ma includere queste immagini in una finzione per far sentire agli spettatori – tramite degli sconosciuti filmati – le emozioni dell’eroina. Qui, la gente, i pescatori, le donne che attendono e i vicini misteriosi raccontano ciò che questa donna e il suo giovane figlio non sanno dire. [...] È un documentario? No, un documenteur (documentitore)”. (Agnès Varda)
L’OPÉRA MOUFFE
(Francia/1957) di Agnès Varda (22')
keyboard_arrow_down
“Un documentario soggettivo: il diario di una donna incinta nel contesto sociale del quartiere chiamato ‘La Mouffe’. Un film sulla contraddizione di aspettare un bambino, piena di speranza, in un mondo di poveri, di vecchi, di vagabondi e disperati. Un film pieno di tenerezza verso un’umanità maltrattata, composta da vecchi bambini e anziani neonati curati un tempo dalle loro madri”. (Agnès Varda)
PLAISIR D’AMOUR EN IRAN
(Francia/1976) di Agnès Varda (6')
keyboard_arrow_down
“Come parlare d’amore sollevando gli occhi verso le moschee o parlare di architettura all’altezza del cuscino. […] Il sogno di qualsiasi coppia di innamorati, in luoghi così perfetti come la grande moschea di Ispahan, punto di unione fra arte sacra e arte profana”. (Agnès Varda)