L’uomo fedele

(L'Homme fidèle, Francia/2018) di Louis Garrel (75')

Louis Garrel regista, capitolo secondo. Scritto col buñueliano Jean-Claude Carrière. Una commedia di ritorni e gelosie, che indaga con leggerezza la figura del rettangolo amoroso. Non chiamatelo, però, un film sentimentale. Garrel si diverte a mescolare i generi e non rinuncia all’ironia. “È un gioco attraverso i miei ricordi di cinema, soprattutto di François Truffaut, di cui la mia cinefilia è imbevuta”. Per questo è così francese, perché “seguendo il consiglio di Jean Renoir ai registi, bisogna sempre parlare di ciò che si conosce”, che per Garrel sono luoghi, atmosfere e situazioni del cinema che ama.

Puoi approfondire su: