H 17.30
Mercoledì
02 Nov 2022

Mi chiamavo Eva / Scratch / The Breakdown / Tria – Del sentimento tradire / Agosto in pelliccia / Free Town

Visioni Italiane

Fare cinema a Bologna e in Emilia-Romagna

Visioni italiane

 

Mi chiamavo Eva
(Italia/2021) di Miriam Previati (9')
keyboard_arrow_down

Eva, vittima di revenge porn, racconta il suo stato d’animo in una lettera d’addio ai genitori. Ogni condivisione di quel video girato in un momento d’intimità e diffuso senza il suo consenso è la replica di una violenza che la spinge all’estremo gesto, ormai rassegnata all’idea che solo attraverso la morte potrà riappropriarsi della libertà.

Scratch
(Italia/2022) di Ginevra Migliarini (6')
keyboard_arrow_down

Sono le prime luci dell’alba quando la porta di casa si apre e Cecilia, in abito rosso e ciglia finte, sgattaiola dentro. Fotinì è rimasta sveglia tutta la notte in sua attesa e ora si prepara ad affrontarla.

The Breakdown
(Italia/2022) di Giulio Mealli (7')
keyboard_arrow_down

L’automobile di una famiglia in crisi va in panne, lasciando i passeggeri a piedi nel bel mezzo del nulla. L’imprevisto farà affiorare in superficie i reciproci rancori.

Tria – Del sentimento tradire
(Italia/2022) di Giulia Grandinetti (15')
keyboard_arrow_down

In una Roma distopica, una legge vieta alle famiglie rom di avere più di tre figli. Le sorelle Zoe, Iris e Clio sanno che se arriverà un quarto fratello una di loro verrà uccisa, perché le femmine vengono sacrificate per prime.

Agosto in pelliccia
(Italia/2022) di Alessandro Rocca (20')
keyboard_arrow_down

Siamo in pieno agosto, in un appartamento della periferia romana. Tormentato dai dispetti del fratello maggiore Leonardo, che lo chiama Pelorosso per via del colore dei suoi capelli, l’adolescente Tommaso capisce che per porre fine ai soprusi dovrà sottomettersi.

Free Town
(Italia/2022) di Pietro Malegori (18')
keyboard_arrow_down

Hya, migrante giunta in Italia illegalmente, è intrappolata in una safe-house gestita da una rete di trafficanti. Sospesa in un microcosmo emotivo fatto di poche stanze e gesti ripetuti, Hya ricerca un solo fine: la libertà.

Lingua
Lingua: italiano
Festival