Pane e tulipani

(Italia-Svizzera/1999) di Silvio Soldini (114')

Regia: Silvio Soldini. Soggetto e Sceneggiatura: Silvio Soldini, Doriana Leondeff. Fotografia: Luca Bigazzi. Montaggio: Carlotta Cristiani. Scenografia: Paola Bizzarri. Musica: Giovanni Venosta. Interpreti: Licia Maglietta (Rosalba Barletta), Bruno Ganz (Fernando Girasoli), Giuseppe Battiston (Constantino), Antonio Catania (Mimmo Barletta), Marina Massironi (Grazia), Vitalba Andrea (Ketty), Daniela Piperno (automobilista), Tatiana Lepore (Adele). Produzione: Monogatari, Istituto Luce, RAI – Radiotelevisione Italiana, Amka Films, T.S.I. – Televisione Svizzera Italiana. Durata: 114’
Copia proveniente da Istituto Luce Cinecittà

Scarica la cartolina della serata

Serata sostenuta da CAMST

Gioco del caso, diversità culturale ed etnica, disagio esistenziale. Nord o Sud, viaggio come fuga e insieme punto di partenza, solitudini che si intrecciano, centralità dell'universo femminile (e sguardo al femminile): in Pane e tulipani ritroviamo variamente intrecciati i fili che intessono i minimalisti affreschi contemporanei di Silvio Soldini, da L’aria serena dell’Ovest a Un’anima divisa in due a Le acrobate. La novità è che stavolta il regista milanese ribalta l’abituale registro drammatico, privilegiando i toni della commedia fiabesca seppur venata di malinconia. In gita a Paestum con il marito Antonio Catania e i figli adolescenti, la casalinga pescarese Licia Maglietta viene dimenticata a terra dal pullman durante una sosta all’autogrill. Uno scherzo del destino che schiude alla tranquilla provinciale l’imprevista possibilità di fare una piccola follia, recandosi a Venezia dove non è mai stata. Ma con la sua atmosfera avvolgente, la città lagunare la cattura e la vacanza di un giorno si allunga a tempo indeterminato. Licia viene ospitata dal cameriere Bruno Ganz, un islandese bizzarro e misterioso, intreccia una complice amicizia con la massaggiatrice Marina Massironi e trova lavoro presso il fioraio anarchico Felice Andreasi, inaugurando un nuovo, appagante capitolo della sua vita. Finché non la scova Giuseppe Battiston, un idraulico timido e ciccione che il marito ha spedito a cercarla, senza sapere che anche per l’improvvisato detective il fato ha in serbo una sorpresa. […] Nell’efficace fotografia di Luca Bigazzi, la Venezia popolare e naturalista del film si trasforma di notte in un luogo fantastico, ideale cornice di una favola dal finale conciliatorio in cui ogni problema miracolosamente si appiana. E ritagliando la storia in chiave di commedia con qualche spunto grottesco, il regista si rivela capace di far sorridere, mentre i protagonisti (la trasognata Maglietta e il romantico Ganz) spiccano accattivanti.

Alessandra Levantesi

 

L’idea di fare una commedia mi solleticava da un po’, ma solo dopo Le acrobate ho capito che era venuto il momento: avevo bisogno di un cambio, avevo voglia di divertire e di lavorare sui personaggi in modo più sottolineato, come è difficile fare in un film drammatico. […] È sempre un problema trovare il titolo giusto per un film. All’inizio lo chiamavamo Rosalba, in modo provvisorio. Poi un giorno Doriana è venuta fuori con questo, che all’inizio mi sembrava il titolo di un film di Makhmalbaf (il regista di Pane e fiore). Ma mi piaceva molto il gioco che conteneva questo titolo, doveva essere un titolo da commedia. Abbiamo allora indagato sui tulipani e abbiamo scoperto che sono fiori che nascondono una lunga storia nata in Oriente, dove del Quattrocento riempivano i giardini dei sultani ed erano considerati simbolo di desiderio, amore, bellezza. E questo ci è piaciuto molto.

Silvio Soldini

Scopri le modalità di accesso e prenotazione